Seleziona una pagina

Cosa vedere a Livorno, la più importante città della costa toscana

Scopri con noi cosa vedere a Livorno in un giorno

Livorno è una delle province della Toscana ed è la città più importante che possiamo trovare sul litorale. In questa meravigliosa (ma non tanto visitata) città possiamo imbatterci in 2 fortezze, belvedere, ville d’epoca e molte altre attrazioni.

Lasciati guidare da noi in un’ottima visita della città

Per arrivare a Livorno ci sono diverse possibilità: puoi utilizzare l’auto, il treno (la stazione di Livorno Centrale ospita numerosissimi treni provenienti dalle città vicine: ad esempio Pisa), ma anche l’aereo, dato che l’aeroporto di Pisa dista dalla città 30 minuti in auto o in treno. Una volta arrivato a Livorno, dovrai solamente decidere da quale attrazione iniziare e lasciarti affascinare dalla città.

Le due fortezze: la Nuova e la Vecchia

La Fortezza Vecchia è il bastione che delimita il Porto Mediceo. Fu fatta costruire, appunto, dalla famiglia De’ Medici nel 1519 e fu inaugurata nel 1534. In seguito, Cosimo I de’ Medici fece realizzare un palazzo sull’antica Quadratura affinché dominasse l’intera fortezza. Fino a poco tempo fa, per accedere al bastione c’era bisogno di un sistema di chiatte galleggianti; oggi è possibile raggiungerla tramite un pontile di cemento.

La Fortezza Nuova, invece, risale al tardo XVI secolo, quando i Medici commissionarono all’architetto Buontalenti di ideare un piano per la nuova città di Livorno. Nel 1577 iniziarono i lavori per la costruzione della città e del suo sistema difensivo, ma solo nel 1589 fu deciso di potenziare l’apparato militare con quella che poi sarà chiamata Fortezza Nuova. Si trova su un isolotto ricavato dal canale, nel centro di Livorno: oggi ospita un parco meraviglioso.

La terrazza Mascagni

Uno dei luoghi più rappresentativi della città è sicuramente la Terrazza Mascagni. Questa terrazza si estende sopra ciò che un tempo era il “Forte dei Cavalleggeri”, una fortezza che dopo l’Unità d’Italia fu ceduta alle autorità locali che la smantellarono nel 1872. Nel 1925 il luogo fu trasformato in una terrazza sul mare, caratteristica per il pavimento a scacchi neri e bianchi e per il panorama mozzafiato che offre. Quando Livorno fu bombardata nella Seconda Guerra Mondiale, la terrazza subì dei restauri e delle modifiche, e si ampliò e arrivò alle dimensioni attuali.

Il Mercato delle Vettovaglie

Questo mercato, chiamato anche Mercato Centrale o la “Coperta”, è una delle strutture architettoniche più interessanti di Livorno. È stata costruita intorno alla metà del XIX secolo con l’utilizzo di ferro e vetro per creare una struttura imponente ma anche snella, grande quanto due campi da calcio. Al suo interno possiamo trovare 200 banchetti di pesce, cibo e altro ancora. Questa meta è perfetta per organizzare un happy hour diverso dal solito: i bar e ristoranti fanno uso degli abbondanti prodotti locali disponibili al mercato.

I Fossi Medicei di Livorno

Per “Fossi”, i toscani intendono i fossati. Il più importante della città è il Fosso Reale, che corre lungo i confini di difesa di Livorno. I canali erano pensati, come quelli tipici di Venezia, sia per la navigazione, sia per l’irrigazione. Uno dei modi migliori per visitare questi fossi è quello di prendere parte ad un tour in battello (organizzati anche in altre lingue per i turisti) che parte dal porto e si addentra nel cuore della città.

Piazza della Repubblica

La piazza più importante della città è Piazza della Repubblica, costruita nel 1838 con lo scopo di modernizzare e dare un volto più giovane alle antiche stradine livornesi. Questa piazza si eleva sopra il Fosso Reale e si estende in lunghezza per ben 220 metri: non diresti mai di trovarti sopra un ponte!

Venezia Nuova, il centro storico di Livorno

Il centro è l’unica parte della città che dopo la Seconda Guerra Mondiale è riuscita a conservare una gran parte dei suoi monumenti storici ed architettonici (tra cui chiese e palazzi). Cosa vedere a Livorno centro? Sicuramente non puoi farti mancare Via Grande, il percorso che va dal porto alla Piazza Repubblica. In questa via si può respirare l’atmosfera particolare che caratterizza la città. Sui due lati si trovano due lunghi camminamenti pedonali coperti e piastrellati, ampie piazzette e numerosissimi negozi (perfetto per chi ha voglia di fare shopping!).

livorno

La provincia di Livorno

Se ti stai chiedendo anche cosa vedere a Livorno e provincia, ti consigliamo di visitare i numerosi luoghi marittimi nei dintorni della città. Piombino, Rosignano Marittimo e Cecina sono solo alcune delle località che ti suggeriamo. Due vere e proprie perle che non devi sottovalutare dei dintorni di Livorno sono la Torre di Calafuria e il Castello del Boccale.

La cucina livornese

La cucina toscana è una delle più amate dagli italiani e non. Tra tutte, la cucina livornese ha un posto di rilievo per i suoi piatti gustosi e succulenti, che spaziano da ricette di pesce allo street food. In diversi periodi dell’anno (aprile-maggio, luglio-agosto o settembre-ottobre) Livorno ospita il Festival dello Street Food in Piazza XX Settembre: tre giorni di numerosi truck food e stand di buon cibo di strada, italiano e internazionale.

La città del cacciucco, il 5C

Il piatto più conosciuto di questa tradizione culinaria è indubbiamente il Cacciucco (viene chiamato anche “5C” per indicare quante C troviamo nel nome originario del piatto). Non si può andare via da Livorno senza aver mai assaggiato questo fantastico piatto a base di pesce. È sostanzialmente una zuppa con all’interno diverse varietà di pesce, molluschi e crostacei insaporiti bene col pomodoro: sono tutti quei pesci poveri che sono facilmente reperibili sul mercato. Generalmente questo piatto si serve in tavola molto caldo, con una fetta di pane precedentemente abbrustolita e insaporita con aglio.

cacciucco livorno

Il baccalà alla livornese

Il baccalà, in questa ricetta, è molto saporito. Dopo aver fritto il pesce, la cottura dovrebbe continuare insieme al pomodoro e al trito d’aglio, all’interno di una di quelle antiche pentole di coccio. Questo piatto è perfetto anche per la cena della Vigilia di Natale, come alternativa al classico fritto.

Il tramezzino, sandwich all’italiana

La massiccia presenza di americani nella zona di Livorno (per la base militare di Camp Derby e per il porto), ha portato la diffusione dell’usanza del tramezzino. È uno spuntino veloce, o un pranzo leggero, che permette di saziare anche gli stomaci più esigenti, grazie alla vasta offerta. Si possono farcire in moltissimi modi: prosciutto e formaggio, tonno e cipolline, gamberi in salsa rosa e così via.

La torta di ceci, la “cecina”

La famosa torta di ceci, o più comunemente chiamata “cecina”, è una delle ricette più semplici e antiche della tradizione toscana. L’impasto è fatto di ceci, acqua e olio: con la cottura si viene a creare una torta salata dal sapore molto appetitoso, tanto da diventare un ingrediente con cui farcire i panini.

Il ponce alla livornese

Bevuto inizialmente da chi soffriva di depressione o da chi aveva la febbre molto alta, questa è una delle perle della cucina livornese da non sottovalutare. È una bevanda calda che unisce liquore (rum) e caffè, servita insieme a una buccia di limone e ad un cucchiaino di zucchero.

Livorno, città famosa per il suo porto e per essere la città natale dell’artista Modigliani, è una città multiculturale e multietnica, animata da persone provenienti da tutto il mondo e ricca di monumenti e attrazioni. In uno dei tuoi viaggi in Toscana, non dimenticare di visitarla!